Reading Time: 6 minutes

Le origini

Premettiamo che lo stesso racconto, con alcune differenze,  ha ispirato: la festa di  Qixi in Cina, il Tanabata in Giappone, il Chilseok in Corea.

 

Cina                           

La festa delle stelle innamorate  celebra l’incontro delle divinità Orihime e Hikoboshi in giappone;  tra la tessitrice Zhinü e il pastore Niulangin Cina; in corea la tessitrice celeste si chiama Jicknyeo ed il pastore Gyeonwoo. Il racconto mitologico cinese, il cui primo riferimento risale a oltre 2600 anni  fa, è basato sulla storia d’amore tra la tessitrice Zhinü , che simboleggia Vega, e il pastore Niulangin , che simboleggia Altair.

Il loro amore non era consentito, quindi furono banditi ognuno su sponde opposte del fiume d’argento, simbolo della Via Lattea, e una volta all’anno, il 7º giorno del 7º mese lunare, uno stormo di gazze formerebbe un ponte per riunire i due amanti, almeno per un giorno.Da ciò la data di questa festa che  varia, ma i primi festeggiamenti iniziano sempre il 7 luglio del calendario gregoriano . La celebrazione si svolge in vari giorni tra luglio e agosto.

In passato si credeva che se avesse piovuto, in questo giorno, si sarebbe formato  un fiume che avrebbe spazzato via il ponte delle gazze o che la pioggia fosse dovuta alle lacrime della coppia separata.

(La leggenda secondo cui uno stormo di gazze avrebbe formato un ponte per riunire i due amanti ha fatto sì che una coppia di questi animali simboleggi la felicità e la fedeltà coniugale.)

La versione più popolare in Giappone è:

 Orihime (織姫, “Principessa Tessitrice”) , figlia del Tentei (天帝, “Re del Cielo”, o l’universo stesso) , tesseva splendidi abiti sulla riva dell’Amanogawa (天の川, “Via Lattea”, letteralmente “fiume celeste” ) . Suo padre amava la stoffa che lei tesseva e quindi lavorava molto duramente ogni giorno per tesserla. Tuttavia, Orihime era triste perché a causa del suo duro lavoro non avrebbe mai potuto incontrare e innamorarsi di nessuno. Preoccupato per sua figlia, Tentei fece in modo che incontrasse Hikoboshi (彦星, ” Cowman “/” Cowherd Star”, o letteralmente ” Boy Star”) che vivevano e lavoravano dall’altra parte dell’Amanogawa. Quando i due si sono conosciuti, si sono subito innamorati l’uno dell’altro e poco dopo si sono sposati. Tuttavia, una volta sposata, Orihime non avrebbe più tessuto tessuti per Tentei e Hikoboshi ha permesso alle sue mucche di vagare per tutto il paradiso. Con rabbia, Tentei separò i due amanti dall’altra parte dell’Amanogawa e proibì loro di incontrarsi. Orihime si è scoraggiata per la perdita del marito e ha chiesto a suo padre di farli incontrare di nuovo. Tentei è stato commosso dalle lacrime di sua figlia e ha permesso ai due di incontrarsi il 7° giorno del 7° mese se lei avesse lavorato sodo e avesse terminato la sua tessitura. La prima volta che tentarono di incontrarsi, però, scoprirono che non potevano attraversare il fiume perché non c’era il ponte. Orihime pianse così tanto che uno stormo di gazze venne e promise di fare un ponte con le loro ali in modo che potesse attraversare il fiume. Si dice che se piove su Tanabata, le gazze non possono venire a causa dell’innalzamento del fiume e i due innamorati devono aspettare fino all’ anno successivo per incontrarsi. La pioggia di questo giorno si chiama “Le lacrime di Orihime e Hikoboshi”.

 

Corea 

Nella versione del racconto coreana abbiamo un re celeste che aveva una figlia chiamata Jicknyeo ( Hangul : 직녀, Hanja : 織女), che era una tessitrice di talento. Un giorno, quando guardò fuori dalla finestra mentre tesseva, vide un giovane, un pastore di nome Gyeonwoo ( Hangul : 견우, Hanja : 牽牛), proprio di fronte alla Via Lattea, e si innamorò di lui; il padre ha permesso ai due di sposarsi, ma in seguito, Jicknyeo si rifiutò di tessere vestiti e Gyeonwoo non si prese cura delle mucche e delle pecore. Il re così si arrabbiò molto e ordinò alla coppia di vivere separatamente, permettendo loro di incontrarsi solo una volta all’anno. Il settimo giorno del settimo mese di ogni anno, erano entusiasti di incontrarsi, ma non potevano attraversare la Via Lattea. Tuttavia, corvi e gazze lavorarono insieme per formare un ponte attraverso la Via Lattea per la coppia. Dopo un po’, la loro tristezza è tornata, perché sono stati costretti ad aspettare un altro anno prima di incontrarsi di nuovo. Si ritiene che i corvi e le gazze non abbiano piume in testa a causa della coppia che calpesta le loro teste. Se piove quella notte, si crede che siano le lacrime della coppia.

 

Qiqiao (Cina)

La festa di Qixi (七夕), nota come festa di Qiqiao (乞巧, letteralmente “implorare le abilità”), festa del doppio sette, giorno di San Valentino cinese e la notte dei sette, è una festività cinese che ricorre il 7º giorno del 7º mese lunisolare del calendario cinese.

 La festa trae le sue origini nella romantica leggenda di due amanti, la tessitrice Zhinü e il pastore Niulang; Il primo riferimento noto a questo mito risale in Cina ad oltre 2600 anni fa in una poesia.

I festeggiamenti erano dei formali rituali, come le cerimoniali di stato, tuttavia col tempo le celebrazioni hanno assimilato  le usanze comuni.

Come da tradizione, le ragazze prendono parte all’adorazione dei celesti recandosi al tempio locale per pregare Zhinü affinché dia loro la saggezza. Solitamente vengono bruciati degli oggetti di carta come offerte e si recitano delle preghiere tradizionali affinché si acquisisca destrezza nell’agopuntura, simbolo dei talenti tradizionali di una buona moglie. Le fanciulle inoltre esprimono l’augurio di sposare un marito buono e amorevole e mostrano le loro abilità domestiche: pare infatti che in passato vi fossero delle competizioni tra coloro che cercavano di essere le migliori nell’infilare degli aghi in condizioni di scarsa illuminazione come il bagliore di una brace o di una mezza luna. Oggi, le ragazze a volte raccolgono articoli da toeletta in onore delle sette vergini.APPROFONDIRE La festa ebbe una certa importanza anche per i neo sposi, i quali tradizionalmente adoravano la coppia celeste per l’ultima volta dicendole addio. Tale rito era il simbolo di un matrimonio felice e mostrava come la sposa fosse apprezzata dalla sua nuova famiglia.

In questo giorno i cinesi guardano al cielo per cercare Vega e Altair che splendono nella Via Lattea, mentre una terza stella forma un ponte simbolico tra le due.

Tanabata (Giappone) 

Tanabata ( giapponese :た な ば た o七夕, significa “sera del settimo”) , è un festival giapponese che ha origine dal cinese Qixi Festival . Il festival è stato introdotto in Giappone dall’imperatrice Kōken nel 755. 

Il festival ottenne una popolarità diffusa tra il grande pubblico all’inizio del periodo Edo ,quando si mescolò con varie tradizioni Obon o Bon (poiché allora il Bon si teneva il 15 del settimo mese), e si sviluppò nel moderno Tanabata Festival.

Le usanze popolari relative alla festa variano a seconda della regione del paese, ma in generale, le ragazze desideravano migliorare l’arte del cucito e dell’ artigianato mentre  i ragazzi desideravano una migliore calligrafia, scrivendo i loro  desideri su strisce di carta. A quel tempo, l’usanza era di utilizzare la rugiada lasciata sul taro per creare l’inchiostro usato per scrivere i desideri. 

Si ritiene che esistesse una cerimonia di purificazione shintoista , in cui una miko shintoista tesseva un panno speciale su un telaio chiamato tanabata (棚機) e lo offriva ad un dio per pregare, per la protezione dei raccolti di riso dalla pioggia o dalla tempesta e per un buon raccolto più tardi in autunno. A poco a poco questa cerimonia si è fusa con Kikkōden per diventare Tanabata.

Nel Giappone odierno, le persone generalmente celebrano questo giorno scrivendo desideri, a volte sotto forma di poesia, sul tanzaku (短冊, tanzaku ) , che sono piccoli pezzi di carta, e successivamente  appendendoli al bambù , o a volte con altre decorazioni (l’ Albero dei desideri ). Il bambù e le decorazioni vengono spesso messi a galla su un fiume o bruciati dopo la festa, verso mezzanotte o il giorno successivo. Questo ricorda l’usanza di far galleggiare navi di carta e candele sui fiumi durante l’Obon. 

(Secondo l’usanza, le persone organizzano le forme di carta in 7 forme comuni, come ali di gru (折り鶴; Orizuru), kimono di carta (紙衣; Kamigoromo), borse (巾着; Kinchaku), reti (投網; Toami), borse (くずかご; Kuzukago),… per la decorazione o per augurarsi reciprocamente buona fortuna.)

 

Chilseok (Corea)

Chilseok (“Settima sera”) è una festa tradizionale coreana che cade il settimo giorno del settimo mese del calendario lunisolare coreano , originatasi dal Qixi Festival cinese . Chilseok è un periodo in cui il caldo inizia a diminuire e inizia la stagione delle piogge , e la pioggia che cade durante questo periodo è chiamata acqua di Chilseok. Quando zucche, cetrioli e meloni iniziano a fiorire durante questo periodo, le persone tradizionalmente offrivano zucche fritte all’Orsa Maggiore .

A Chilseok, i coreani tradizionalmente fanno il bagno per una buona salute. Inoltre, è tradizione mangiare tagliatelle di farina di grano e focacce di grano grigliate. Chilseok è noto come l’ultima possibilità di gustare cibi a base di grano, poiché i venti freddi dopo rovinano il profumo del grano. La gente mangiava anche frittelle di grano chiamate miljeonbyeong (밀전병) e sirutteok , una torta di riso al vapore ricoperta di fagioli azuki .

Inoltre, è tradizione mangiare pane integrale e toast. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!