Reading Time: 2 minutes

La battaglia di Shizugatake  si svolse nel periodo Sengoku, ovvero l’Epoca degli Stati belligeranti,  un periodo di grande crisi politica e sociale che va dal 1467 al 1603, tra il periodo Muromachi e quello Azuchi-Momoyama. Questo periodo è caratterizzato dalla forte divisione dell’arcipelago giapponese in moltissimi feudi quasi sempre in guerra tra loro.

 

Tornando alla nostra battaglia, questa si svolse tra i fedelissimi di  Toyotomi Hideyoshi (1537 –1598) fondatore del Clan Toyotomi e uno dei tre grandi unificatori del Giappone, contro i sostenitori di Oda Nobutaka (1558–1583). Causa delle crisi fu la problematica della  successione del clan Oda dopo la morte di Oda Nobunaga.

 Nel maggio 1583, un generale veterano di Nobunaga chiamato Shibata Katsuie (1522–1583) servitore di Oda Nobunaga e tra i suoi generali più fidati durante il  primo assedio di Nagashima attaccò ripetutamente Shizugatake, dove erano stanziate varie roccaforti controllate dai generali di Hideyoshi Toyotomi. Attacchi che non diedero risultati soddisfacenti fino a che Shibata non ordinò a Sakuma Morimasa (1554–1583), altro servitore del clan Oda, di ritirare le sue truppe poiché erano a rischio a causa della lontananza del contingente militare principale. Sakuma non obbedì e decise di lanciare un’altra offensiva.

 

Hideyoshi era lontano ma venuto a conoscenza dell’attacco fece accelerare le truppe a marcia forzata nella notte e giunto a Shizugatake in breve tempo trovò Sakuma che si era posto sulla difensiva ma era troppo tardi e le truppe di Hideyoshi sconfissero gli assedianti con facilità. Hideyoshi costrinse Shibata a retrocedere fino al Castello di Kitanosho, un hira-shiro, ovvero una roccaforte di pianura, ormai scomparsa, mentre Sakuma venne catturato e decapitato.

 

Hideyoshi conquistò il castello ma prima di lasciarlo, Shibata lo diede alle fiamme. Ovviamente Shibata, per salvare il suo onore, commise Seppuku, il suicidio rituale dei samurai, con la bellissima moglie Oichi, sorella più giovane di Oda Nobunaga, facendo fortunatamente prima fuggire le sue figlie.

I sette generali di Hideyoshi dopo la battaglia ottennero un’enorme fama ed onori e divennero gli “Shichi-hon yari”, le “Sette lance” di Shizugatake”. Il più famoso è sicuramente Katō Kiyomasa (1562–1611), ma sulle Sette Lance torneremo in un altro momento…

Antonio Vaianella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!