Reading Time: 2 minutes

Una doverosa premessa; Kunoichi くノ一  è il termine usato e corretto per indicare le donne shinobi o praticanti di ninjutsu. Una delle più famose fu Mochizuki Chiyome 望月 千代女.

Fu un’aristocratica, nonché  poetessa del XVI secolo ed è famosa per aver creato un temibile gruppo di kunoichi al servizio del potente Clan Takeda. Chiyome aveva un passato davvero interessante poiché era discendente del ninja del XV secolo Mochizuki Izumo-no-Kami 望月出雲守 della famosa scuola Kōga-ryū ed era anche la moglie di Mochizuki Moritoki, Daimyō del distretto di Saku di Shinano e lui stesso un lontano parente del ninja Izumo- no-Kami. Dopo la morte del marito Moritoki, ucciso insieme a molti valorosi condottieri nella quarta battaglia di Kawanakajima, combattuta alla fine di settembre del 1561, Chiyome venne affidata alle cure del potente Daimyō Takeda Shingen, capo del clan Takeda e zio del suo defunto marito. Fu allora che Takeda decise, viste le sue capacità, di darle l’incarico di creare una segreta rete di kunoichi, per utilizzarle contro i signori della guerra suoi avversari.

Il piano di Takeda era quello di avere agenti donne addestrate perfettamente che agissero come spie per raccogliere informazioni, consegnare messaggi in codice ai suoi alleati e, se necessario, uccidere gli avversari. Mochizuki era perfetta per questo progetto essendo una erede della scuola dei ninja Kōga. Mochizuki, accettato l’incarico, reclutò, nel villaggio di Nezu, nella regione di Shinshū, ora Tōmi a Nagano, prostitute, vittime delle guerre civili dell’epoca Sengoku e fanciulle rimaste orfane e senza sostegno per vivere. Le donne selezionate furono addestrate per divenire spie, seduttrici, messaggeri e assassine, assumendo spesso le sembianze delle miko, di cui abbiamo già parlato, così da viaggiare senza dare sospetti. Le shinobi di Mochizuki impararono a travestirsi da attrici, prostitute, geisha, monache e donne comuni; in questo modo potevano andare ovunque senza essere oggetto di alcun sospetto.

Chiyome fu davvero brava tanto che riuscì a creare una rete di donne ninja che si stima ammontassero ad almeno 300 agenti, tutte al servisio del Clan Takeda. Dopo la morte, ancora misteriosa, nonostante i secoli passati, di Takeda Shingen, nel 1573, la rete segreta creata da Mochizuki scomparve dai documenti storici.

Nell’articolo alcune immagini di fantasia, tratte da anime e film…

Antonio Hisao Vaianella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!